31 dicembre 2009

La cenere: le proprietà segrete

Detergente per acciai

Oltre alle sue proprietà per il bucato, la cenere è molto impiegata anche come smacchiatore per gli acciai per le sue proprietà sgrassanti e perché, con alcuni piccoli accorgimenti, è utilissimo per ridare brillantezza e lucentezza alle pentole, al lavello inox e al piano cottura.

Anche la cappa e altri arnesi in metallo possono beneficiare delle molteplici proprietà della cenere!

Dite addio a Cillit Bang e altri prodotti al limite della soda caustica, ecco una ricettina veloce veloce e del tutto naturale ^_^


Per dare un brillo speciale alle pentole basta strofinarle con la cenere e un pochino di detersivo e risciacquare bene, poi vedrete come vengono belle pulite!

La stessa cosa è valida per le superfici in acciaio e alluminio.


E per ottenere un brillo ancora più intenso potete lavare la superficie, alla fine con una spugna imbevuta con aceto.


Puzza un po’, lo ammetto, io ODIO letteralmente l’aceto, ma se poi si toglie e si strofina il tutto con mezzo limone l’odoraccio scompare in fretta e sarà come se non aveste mai tirato fuori quel liquido abominevole.


Concime

Causa la grande quantità di antiossidanti contenuti nella cenere di legno, essa è abbondantemente impiegata anche come concimante e fertilizzante.


In alcune parti del mondo, vi sarà capitato di sentire, a causa del sottile strato di terreno fertile, esso vien ulteriormente concimato bruciando tutto al di sopra di esso, in questo modo la cenere che si viene a creare funge sia da “coperta” e protezione per lo strato sottostante, molto più debole, sia da concime per quello che dovrà nascere.


Non è una notizia nuova, no? Per anni al telegiornale non hanno fatto altro che tartassarci con le abitudini barbare di questi australiani e di alcuni contadini delle zone limitrofe all’Amazzonia, senza tenere conto che, invece, si trattava di un sistema antico e assolutamente naturale e non aveva a che fare con piromani impazziti.


Per le piante di casa, comunque, la cenere e i fondi di caffè sono ottime soluzioni.

Versatene un po’ sopra il terriccio o rimescolatela con la terra quando reinvasate i vostri giardini pensili: sarà un valido aiuto, soprattutto se per una qualche ragione la pianta non potrà ricevere troppa luce naturale.


Antiumidità

Credevate che avessi finito? E invece no, c’è ancora moooolto da dire, specialmente sulle proprietà segrete come antiumido.


Essendo infatti un composto di carbonati, la cenere serve anche ad attirare umidità, liberando quindi le vostre cantine da antiestetiche chiazze di bagnato e dal caratteristico odore di stantio che aleggia nei locali dove gira poca aria fresca.


Ideale anche per le soffitte e gli attici, diventa impareggiabile nel caso ci sia molto legno intorno.



Mauser

Nessun commento:

Posta un commento



Hai qualche idea?
Vorresti approfondire un argomento particolare?
Ci sono curiosità di cui vorresti scrivessimo?

Manda una mail a
georgianagarden@gmail.com